Archivi categoria: NEWS STUDENTI

Indicazioni operative Esame di Stato

 

Di seguito i documenti pubblicati dal MIUR e contenenti le prime indicazioni in vista dell’ ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEI PERCORSI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI SECONDO GRADO A.S. 2018/2019.

Visita all’osservatorio di Perinaldo

“Europe make a wish. Peregrinus: orizzonti non confini”

Venerdì 12 ottobre 2018 gli alunni delle classi 1B AFM e 2A TUR hanno visitato l’osservatorio comunale “G. Cassini” di Perinaldo e partecipato alla conferenza tenuta dall’archeologo, geologo e ambientalista irlandese Gerard Clarke.

Il professor Clarke ha interagito con gli studenti parlando di archeo-astronomia e del sito neolitico di Newgrange, di Irlanda, di Europa, di pianeta Terra e di ecologia spirituale.

In occasione dell’incontro è stato avviato il progetto didattico Europe make a wish che verrà sviluppato nella nostra scuola, e che attraverso la collaborazione tra Italia e Irlanda, mira ad accrescere l’idea di cittadinanza europea attiva e consapevole degli alunni.

Questa iniziativa culturale si inserisce nel più ampio progetto “Peregrinus, Orizzonti non Confini. Via cielo, terra e mare il respiro europeo sul Cammino di San Colombano” ideato nel 2012 dall’architetto Manuela Bertoncini dell’associazione culturale Green Butterflies in collaborazione con enti e associazioni delle sette nazioni europee attraversate dal Cammino di Colombano.

 

 

 

A Scuola di Circo

CIRCO ALL‘INCIRCA
“La scoperta del territorio attraverso il gioco”
Sabato 27 ottobre 2018

Nella giornata odierna siamo stati ospiti nella palestra della ASD Sportiva Toirano. L’attività svolta con l’istruttore Simone Peretti è stata  una carrellata di esercitazioni propedeutiche alla giocoleria, all’equilibrismo ed all’animazione.

I ragazzi si sono cimentati con giochi di riscaldamento a corpo libero per migliorare la mobilità e reattività. Hanno poi provato vari esercizi   da giocolière:

  • con una pallina e, successivamente, con due palline da far volteggiare,
  • con i piatti cinesi da far roteare,
  • con un bastoncino da tenere in equilibrio e far roteare tramite altri due bastoni.

Sono poi passati a giochi di equilibrismo ed animazione:

  • rimanendo in equilibrio con diverse posture sulla palla morbida;
  • riuscire a salire, prima in ginocchio e poi in piedi, sulla palla rigida;
  • riuscire a camminare sul filo, con l’assistenza dell’istruttore;
  • riuscire a stare in equilibrio e, successivamente, spostarsi su una tavoletta appoggiata sopra ad un tubo.

I ragazzi si sono quindi cimentati nell’esecuzione di tutti gli esercizi provati riuscendo a simulare un inizio di spettacolo che ha concluso questa nuova attività, a quanto pare molto gradita.

Prof. Maurizio Biggi, Prof. Luca Malvicini, Prof.ssa Emanuela Barione 

SALAMANCA – Soggiorno Studio

All’alba del 31 esimo anno di insegnamento, proprio quando pensavo di aver visto tutto, la scuola non finisce di stupirmi. E talvolta in positivo. In un mondo educativo molto spesso alla ribalta della cronaca per episodi poco edificanti e specchio fedele di una società in crisi di valori e comportamenti, un viaggio studio si può miracolosamente trasformare in un’esperienza di riabilitazione e redenzione. Non facciamoci quindi prendere dalla dilagante disperazione e dallo sconforto, i giovani d’oggi sono sempre ed ancora un diamante grezzo che, con l’aiuto di buoni insegnanti ed insegnamenti, può arrivare a splendere in tutta la sua bellezza ed unicità.

Il viaggio studio a Salamanca, mirabilmente organizzato dal Prof. Carcheri, prontamente e brillantemente coadiuvato dai suoi colleghi Proff. Valnegri e Falco, si è rivelato un’occasione unica e preziosa a dimostrazione di quanto affermato. In questo tipo di esperienza era previsto che i ragazzi venissero ospitati da famiglie Salmantine e frequentassero durante il loro soggiorno una scuola locale di lingua spagnola.

L’obbiettivo dell’iniziativa era quella di poter così apprezzare e conoscere differenti modi e ritmi di vita, approfondire la conoscenza della lingua e condividere momenti di vera atmosfera familiare, diventando parte integrante della comunità locale. Alla mattina era prevista la parte didattica della giornata, distribuita su quattro ore di lezione, mentre al pomeriggio erano organizzate attività esterne che prevedevano un coinvolgimento diretto dei ragazzi al di fuori della scuola. Lezioni di ballo, itinerario della città seguendo un ideale percorso storico e letterario, visita a luoghi e monumenti importanti nella vita e nella storia spagnola, interviste a persone del posto durante la spesa al mercato locale: tutto naturalmente e rigorosamente in lingua spagnola.

L’entusiasmo con cui i ragazzi hanno partecipato alle iniziative educative, didattiche e ricreative è stato contagioso e inaspettato. Ogni mattina, tutti incredibilmente puntuali all’inizio delle lezioni, raccontavano in modo appassionato le serate trascorse in famiglia, cenando e conversando come se fossero stati a casa loro. Gli insegnanti della scuola “Dice”, alla quale ci siamo appoggiati per l’iniziativa, sono rimasti impressionati dalla partecipazione dei nostri ragazzi, dalla loro predisposizione per la lingua e dai risultati conseguiti dopo una sola settimana di studio. Ben cinque di loro, a coronamento dei buoni esiti conseguiti alla fine delle lezioni, si sono aggiudicati una borsa di studio per una ulteriore settimana gratuita di corso.

Si è infine naturalmente instaurato tra docenti locali e allievi un rapporto di reciproco apprezzamento che è stato il vero valore aggiunto di questa esperienza non solo scolastica, ma anche e soprattutto di vita. Nella scuola di oggi si organizzano tanti viaggi di istruzione, ma la magia creata da un’attività di questo genere, facendo vivere ai ragazzi una realtà di studio locale e di vita in famiglia, è stata davvero unica, diversa e profonda. Il momento dei saluti finali si è rivelato senza dubbio quello più emozionante ed è anche il motivo che mi ha spinto a scrivere queste righe a commento di quanto vissuto.

Nel clima generale di euforia e nostalgia di quel commiato, una coppia di genitori ospitanti, con due bambini piccoli al seguito, si è avvicinata a noi insegnanti per ringraziarci dei momenti vissuti con i nostri ragazzi e per sottolinearne l’educazione, la simpatia e il buon comportamento dimostrati durante tutto il loro soggiorno. Nella loro esperienza di famiglie che accolgono ragazzi provenienti da tutto il mondo, hanno elogiato sopratutto la buona educazione degli studenti italiani in generale e dei nostri in particolare. Tutto questo, a detta loro, frutto di un sistema, di un metodo e di un paese che, a quel riguardo, dovevano lavorare davvero bene e secondo un modello serio e programmato. Stavano parlando dei nostri studenti e della scuola italiana, oggetto molto spesso di giudizi e critiche avventate ed ingiuste.

Mi sono sentito felice, orgoglioso e nello stesso tempo quasi imbarazzato a ricevere tutti quei complimenti, che volevano essere nella loro semplicità una sorta di importante riconoscimento e apprezzamento per un ruolo, un’istituzione e un paese troppo spesso facilmente maltrattati e sottostimati. All’arrivo ho quindi ringraziato uno per uno i nostri ragazzi. Questa volta la lezione ce l’hanno data loro e il Falcone, sullo slancio di questa iniziativa, ha spiegato le ali e ha definitivamente spiccato il volo.

Tenetevi stretti e allacciate le cinture, si decolla verso nuove mete….Salamanca è stata solo l’inizio…buon viaggio Falcone.

Prof. Fabrizio Falco

Un’ Alternanza Scuola-Spiaggia

Quest’estate abbiamo svolto un’attività di alternanza scuola-lavoro presso i Bagni Flora di Pietra Ligure. Divisi in gruppi di quattro e con turni di sei ore giornaliere per quindi giorni, abbiamo gestito un piccolo ufficio di informazioni turistiche sulla spiaggia, fornendo informazioni non solo sul  territorio ma anche sugli eventi e su tutte le informazioni pratiche e utili per i turisti.

Prima di iniziare la nostra attività abbiamo partecipato a scuola degli incontri preparatori per fare ricerche, studiare itinerari, raccogliere materiale e informazioni sul tutto il nostro territorio, da Alassio a Spotorno.

Il 15 giugno il primo gruppo ha iniziato e, muniti di divisa e badge, abbiamo accolto i bagnanti di Pietra Ligure e siamo stati a disposizione per ogni tipo di informazione,  dalle indicazioni stradali, alle previsioni meteo, agli eventi serali fino alle prenotazioni in ristoranti e hotel.

L’esperienza di  alternanza è terminata a settembre e, secondo noi, ha avuto un grande successo, e siamo davvero contenti i di aver avuto la possibilità di partecipare ad un’attività alternativa e significativa che …  ci ha, tra l’altro,  permesso di lavorare vista mare!

A lavoro finiti,  abbiamo festeggiato insieme al personale dei Bagni Flora per della splendida stagione passata insieme: grazie a tutti!

Gli alunni della classe 4° A tur

In Alternanza Scuola Lavoro a Berlino

STUDENTI DEL FALCONE  IN  ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO A BERLINO

Si svolgerà  nella settimana dal  30  settembre al 7 ottobre il soggiorno studio,comprensivo dell’esperienza di alternanza lavoro, a Berlino per 30 studenti dell’Istituto Giovanni Falcone di Loano. Gli allievi delle classi   terza, quarta e quinta A dell’indirizzo di studi Turismo saranno accompagnati dalle docenti di lingua prof.sse Monica Gastaldi e Marcella Piccinno.La scuola loanese prosegue con questa iniziativa la tradizione ben consolidata di offrire ai propri alunni occasioni di migliorare le  conoscenze e competenze linguistiche e mettersi alla prova in contesti lavorativi, oltre a realizzare un’esperienza significativa anche per la crescita personale e culturale.

I ragazzi seguiranno alla mattina le lezioni presso la scuola di lingue DID  (deutsch-institut-Berlin) e al pomeriggio prenderanno parte a  Workshops finalizzati ad illustrare le modalità di inserimento in contesti lavorativi. Parte delle attività si svolgeranno  all’interno del Reichstag (Parlamento tedesco ),ci saranno particolari approfondimenti sulla professionalità necessarie a diventare guida turistica  con visite a strutture alberghiere.In calendario anche la visita  al Museo della Stasi, al Museo Pergamon, al Museo Ebraico con Mostra permanente su duemila anni di storia ebreo-tedesca, al Museo del   Muro(mostra sulla storia del muro di Berlino), alla Sinagoga , alla Topografia del terrore (centro di documentazione sull’apparato del terrore e persecuzione istituito durante il nazionalsocialismo) e al Monumento commemorativo agli ebrei uccisi in Europa.

Infine, per una migliore full immersion nella vita e nello spirito  della capitale tedesca, è anche prevista   una gita in barca sulla Sprea.

Relazione ASL e Questionario di Autovalutazione

Tutti gli studenti delle classi terze che parteciperanno agli stage estivi, al termine dell’attività, dovranno compilare la relazione finale ( LEGGI LINEE GUIDA ) e compilare il questionario di autovalutazione cliccando sui seguenti link:

QUESTIONARIO 3A CAT

QUESTIONARIO 3A TUR

QUESTIONARIO 3B CAT

QUESTIONARIO 3BD ART

QUESTIONARIO 3C RIM

 

Vincitori!!! Concorso EconoMIA


Lo studente Boris Negri della classe  IVD SIA è uno dei venti vincitori della quinta edizione del concorso “EconoMia”, collegato al Tema prescelto per l’edizione 2018 del Festival dell’Economia di Trento: Lavoro e tecnologia. >> Leggi tutto <<

Oltre a ricevere un premio in denaro Boris avrà così la possibilità di partecipare al Festival dell’Economia che si svolgerà dall’ 1 al 3 giugno.

Il concorso, bandito dal Comitato promotore del Festival dell’Economia di Trento (Provincia autonoma di Trento, Comune di Trento, Università degli Studi di Trento), l’Editore Laterza (responsabile della progettazione e organizzazione del Festival dell’Economia), in collaborazione con MIUR – Direzione generale per gli Ordinamenti Scolastici e per la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, Istituto Tecnico Economico “Bodoni” di Parma, AEEE-Italia, è nato con la finalità di:

  • promuovere una più solida e diffusa cultura economica tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutti gli indirizzi scolastici, contribuendo in questo modo alla crescita culturale del Paese;
  • sviluppare nelle scuole l’attenzione alle eccellenze scolastiche, dato che il Concorso EconoMia è inserito dal MIUR tra le competizioni del Programma nazionale per la promozione delle eccellenze anche per l’anno scolastico 2017-18;
  • favorire l’esercizio di una cittadinanza attiva fondata sulla capacità di compiere scelte razionali, critiche e responsabili di fronte ai fenomeni della realtà economica, fornendo ai giovani gli strumenti culturali e metodologici utili a tale scopo;
  • sottolineare la vocazione al dialogo dell’economia con le discipline degli altri ambiti del sapere: storico-filosofico, quantitativo, linguistico;
  • aiutare gli studenti a comprendere la realtà della produzione e del lavoro che essi incontrano nelle esperienze di Alternanza scuola-lavoro;
  • diffondere l’interesse per i temi economici.

Per quest’anno il Concorso ha visto la partecipazione di 120 scuole per un totale di oltre 900 studenti.